agosto 14 2017

Ti tengo d’occhio CRISPR

Il nome completo è Crispr Cas9 ed è una tecnica di correzione di uno o più geni in qualsiasi cellula. La sua scoperta è talmente importante che possiamo dividere la genetica in due parti, il prima e il dopo Crispr. Ma cosa fa di tanto straordinario? Semplicemente permette di esplorare qualsiasi Dna alla ricerca di particolari sequenze e di tagliarle, toglierle insomma, ma anche aggiungerne o modificarle. In questo modo si possono infatti colpire e modificare tutti i geni che si vogliono. I campi di applicazione di questa tecnica sono tantissimi, possiamo citarne alcuni:

  • la cura di numerose malattie genetiche,
  • la creazione in laboratorio negli animali malattie simili a quelle dell’uomo per studiarne la terapia,
  • l’aggiustamento dei difetti delle staminali
  • la cura dell’HIV
  • l’educazione delle cellule del sistema immunitario per la cura del tumore

Bene, vi assicuro che questa scoperta aprirà orizzonti radiosi, ammesso che gli uomini che se ne occupano ne sappiano fare buon uso e che quelli che non se ne occupano non facciano di tutto per non farla funzionare.

 

Category: Scienze | LEAVE A COMMENT
agosto 12 2017

Nella notte delle stelle cadenti nessuna stella cade, ma è bello crederci

Questa a venire è la notte di San Lorenzo e cresce l’attesa per il grande spettacolo delle stelle cadenti. Vabbè è il 10 agosto il giorno dedicato al santo, ma è nella notte tra il 12 e il 13 che è atteso il picco di visibilità. Se avete ascoltato i miei consigli siete già muniti di un bel binocolo e allora potete aggregarvi alle associazioni astrofile che per questa sera hanno in programma incontri dedicati all’osservazione, tra vino e poesia. La notte delle stelle cadenti è infatti abbinata all’iniziativa “Calici di Stelle”, organizzata dal movimento del turismo del vino.
Per i più distratti, ricordo che non c’è nessuna stella che cade, ma questo è un fenomeno generato dall’incontro fra la Terra e le polveri lasciate dai passaggi della cometa Swift-Tuttle, che il nostro pianeta incrocia ogni anno in questo periodo. L’impatto delle polveri con l’atmosfera crea le spettacolari scie luminose nel cielo notturno chiamate Perseidi perché sembrano provenire da un punto del cielo al di sopra della costellazione di Perseo. Stanotte, dunque, tutti con un binocolo alla mano destra e un calice di buon vino sulla sinistra.

Trovate QUI l’elenco delle cantine aperte per l’evento.

Category: Scienze | LEAVE A COMMENT
agosto 11 2017

Stanno arrivando gli alieni

Stephen Hawking, scienziato celebre in tutto il mondo per la sua mente geniale e per i suoi studi sui buchi neri e sull’origine dell’universo, ritiene che il pianeta che più assomiglia alla Terra dista da noi 16 anni luce. Si chiama  Gliese 832c e, dopo  il Paradosso di Fermi e l’Equazione di Drake, è il risultato dell’ennesimo tentativo di prevedere  l’esistenza di pianeti abitati, ma dobbiamo stare attenti a rispondere ai segnali che provengono dal cosmo, avverte Stephen Hawking. Il nostro primo contatto con una civiltà avanzata potrebbe essere equivalente a quando i nativi americani incontrarono per la prima volta Cristoforo Colombo e le cose “non sono andate così bene”, ha ammonito. Gli alieni  esistono di sicuro, anche se la probabilità di avere un pianeta abitato è assai bassa. Una cosa è certa, e questo lo aggiungo io, il nostro stato attuale di conoscenze scientifiche non ci consente di appurarlo e, evidentemente, nemmeno lo stato attuale di conoscenze scientifiche degli alieni è tale da consentirgli di comunicare con noi.

Category: Scienze | LEAVE A COMMENT
agosto 8 2017

Sindrome genetica da deperimento mitocondriale

Spenti i riflettori sulla triste vicenda del piccolo Charlie, un accenno a qualcosa di cui nessuno ha mai parlato, ossia cos’è la Sindrome genetica da deperimento mitocondriale di cui soffriva il bimbo?
Le malattie mitocondriali sono patologie genetiche che colpiscono i mitocondri, le ‘centrali energetiche’ delle cellule, addette alla respirazione cellulare. Quando questi non funzionano sono colpiti tutti gli organi con esito fatale, in particolare a risentire di più sono il cervello, il cuore e gli altri muscoli e i polmoni. Nel caso estremamente raro di Charlie, la mutazione è su un gene chiamato RRM2B, che a sua volta fa parte di un gruppo di geni che codifica la proteina p53, che ripara il Dna in caso di danneggiamenti o mutazioni. Il piccolo, nato ad agosto del 2016, ha avuto convulsioni continue fin dai primi mesi di vita, mentre nell’ultimo periodo gli è stata diagnosticata una encefalopatia, ossia una lesione del tessuto cerebrale. La mutazione è stata trasmessa da entrambi i genitori, che sono portatori sani e che quindi in un caso su 4 danno vita a un figlio con la malattia. Al momento non ci sono terapie per questa malattia.

Category: Scienze | LEAVE A COMMENT
gennaio 6 2017

Anche al CERN arriva l’epifania

Anche nel laboratorio di Ginevra arriva l’epifania e non trattasi dell’epifania del 6 gennaio ma quella del bosone. Due raggi di protoni ad altissima velocità, che girano nell’anello di 27 chilometri mantenuto a –271°C, si scontrano all’energia record di 7 trilioni di elettronvolt producendo una serie inedita di prodotti di collisione, dei veri e propri fuochi artificiali che lasciano a bocca aperta più che se vedessimo la befana volare sulla scopa. Con questi esperimenti i fisici mirano a riprodurre le prime fasi di vita dell’Universo e il fatto ha dell’incredibile se si pensa che, allineare due fasci di protoni, è come far scontrare due aghi sparandoli dalle sponde opposte dell’Atlantico. Brindiamo all’epifania per festeggiare la cara vecchia befana della nostra infanzia, ma anche per ricordare questo straordinario successo scientifico.

Una foto pubblicata da Paola Sirigu (@giacomaleoparda) in data:

giugno 25 2016

Cibi che avvelenano

Dal nocciolo delle ciliegie alla noce moscata, dalle insidie nascoste in pomodori, a quelle di patate e mandorle e, soprattutto, attenzione ai semi delle mele e ai fagioli. Ecco come ci avveleniamo un po’ al giorno.

Category: Scienze | LEAVE A COMMENT
giugno 22 2016

Autismo

Si sta facendo sempre più strada l’ipotesi che la disgrafia non sia un reale disturbo, ma la conseguenza di una cattiva didattica messa in atto durante i primi anni delle scuole elementari. Allo stesso modo, potrebbe essere rivisto il concetto di autismo.

Category: Scienze | LEAVE A COMMENT