febbraio 8 2017

Cibo ed economia

Pesci, crostacei, frutti esotici: l’arcipelago di Vanuatu, nell’Oceano Pacifico meridionale, è minacciato dal junk food importato. Le autorità hanno quindi deciso di imporre un bando per preservare le abitudini alimentari degli abitanti e la salute. L’obiettivo è arrivare a sostituire il cibo importato con prodotti locali. Trovo sia un’ottima idea e non solo per un fatto di salute, ma per salvaguardare l’economia. In Italia siamo riusciti a distruggere il settore manufatturiero permettendo ai cinesi di vendere abiti a prezzi stracciati, similmente abbiamo distrutto il settore alimentare al punto che buttiamo i pomodori siciliani e mettiamo sulle nostre tavole i pomodori spagnoli. Lo sapevate, ad esempio, che la bresaola proveniente dalla Valtellina IGP viene preparata con carne argentina? La globalizzazione va bene solo se i popoli hanno regole comuni, ma è evidente che non possiamo competere chi non rispetta l’ambiente e con chi non ha regole sul mercato del lavoro. Dunque, o si rivede completamente il concetto di globalizzazione, o si rivede il sistema d’importazione (ed esportazione) dei prodotti esteri per incoraggiare la produzione e la vendita di prodotti locali.

Spread the love


Copyright 2017. All rights reserved.

Posted 8 febbraio 2017 by paolasirigu in category "Scritti Corsari 2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.