dicembre 28 2016

L’estremista

Gli estremisti sono coloro che non conoscono mezze misure, il mondo è bianco o è nero. Sono pochi, valgono meno di niente ma sono più fastidiosi di un chiodo nel culo perché sono rumorosi. Le urla nelle piazze, le bandiere colorate, il folklore e tutto il resto dà loro ampia visibilità tanto da far si che, anche se sono una sparuta minoranza, sembrino un esercito. Un esercito pericoloso, c’è da aggiungere, perché se l’estremista è colui che, in modo eclatante, scarica urlando le frustrazioni personali, la sua presenza dipende da certe caratteristiche della società, del giornalismo e della politica.

Una foto pubblicata da Paola Sirigu (@giacomaleoparda) in data:

La politica è il luogo per eccellenza in cui si possono scaricare le frustrazioni personali, infatti, per l’estremista, la politica è una grande discarica nella quale egli getta la parte peggiore di sé. L’estremista è soprattutto uno che odia. Odia se stesso, in realtà, ma trasforma l’odio per se stesso in odio per qualche nemico che viene da fuori. Soggetti appartenenti a questo gruppo di caccole si possono trovare un po’ dovunque: la politica, data la sua natura competitiva e conflittuale, ne è piena, anzi, tanto più un politico vale meno del due di picche e tanto più è estremista, in quanto questo, per lui, è l’unico modo di farsi sentire. Alcuni sparuti estremisti li incontriamo anche al lavoro, urlano e urlano e nessuno li caga, li troviamo numerosi su Facebook dove fondano gruppi del tipo “perché nessuno ha ancora ficcato una pallottola in testa a Renzi?”, gruppi che fanno si e no una decina di simpatizzanti. Insomma, gli estremisti sono esseri inutili dei quali tutti farebbero volentieri a meno.

Spread the love

Tag:
Copyright 2017. All rights reserved.

Posted 28 dicembre 2016 by paolasirigu in category "Scatti", "Tipi umani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.