settembre 17 2012

Ma davvero ogni individuo è degno di rispetto?

In questi giorni, in Francia, è in atto una rivolta sociale scatenata dagli islamici per la pubblicazione di vignette satiriche sull’Islam. E’ solo uno dei tanti episodi cui abbiamo assistito negli ultimi anni e che inevitabilmente induce a qualche riflessione: che dire di chi mette in atto violenze di ogni genere in nome di una cultura che vieta la libertà di stampa? Che dire di chi rispetta l’usanza dell’infibulazione e della lapidazione per adulterio? Viene da chiedersi se si debbano stimare tutte le opinioni e tutti i comportamenti solo nel nome del rispetto degli individui che le nutrono. Viene anche da chiedersi: ma i paesi che ospitano i musulmani devono forse tornare al medioevo e proibire la libera satira per il solo fatto di temere che i suoi ospiti scatenino una rivolta? I paesi occidentali devono forse permettere che i musulmani che qui vivono commettano atti di barbarie infibulando le bambine? Certamente no. Ecco perché, da un punto di vista politico, i paesi dovrebbero mettere in atto regole severe che impongano agli stranieri il rispetto delle regole del paese ospitante, pena l’espulsione. Agli occidentali che vivono nei paesi islamici queste regole sono imposte, perché la stessa cosa non deve accadere qui? Se da un punto di vista politico non ci sono interventi atti a garantire la sicurezza delle persone e la pace sociale, è allora comprensibile che la gente possa maturare l’idea che non tutti i cittadini siano degni di rispetto.

Spread the love


Copyright 2017. All rights reserved.

Posted 17 settembre 2012 by paolasirigu in category "Scritti Corsari 2.0