agosto 3 2017

L’ozio è sacro

Oggi prendo spunto dal nome di questo blog per ricordare che dedicare un po’ del proprio tempo all’ozio è d’obbligo. Kundera diceva “Nel nostro mondo l’ozio è diventato inattività, che è tutt’altra cosa: chi è inattivo è frustrato, si annoia, è costantemente alla ricerca del movimento che gli manca.”
Ecco, ozio non significa inattività, ma fare ciò che più aggrada, senza porsi limiti di tempo o scadenze. L’ozio è benefico, anzi è necessario per vivere con equilibrio, per caricarsi di energia e motivazione. Dunque, spendiamo il nostro tempo libero per migliorare la qualità della nostra vita, per esaltarci e rinvigorirci, per lasciare alle spalle frustrazioni e pensieri. Allora datevi da fare e ricordatevi, l’OZIO E’ SACRO. 

febbraio 11 2017

L’Ue si fantasmizza

Olanda, Lussemburgo e Portogallo hanno lanciato l’idea di un’Europa a due velocità, raccogliendo il sostegno della Germania. Marine Le Pen ha annunciato il programma di far uscire la Francia dalla Ue e dall’euro. In Italia Lega e M5s portano avanti una campagna antieuropeista e contro la moneta unica. Gli Stati Uniti di Trump attaccano l’euro. La Borsa reagisce male e lo spread dei Btp a 10 anni sull’analogo titolo tedesco ha superato i 200 punti base. Tutti segnali che i populismi avanzano e che la Ue si fantasmizza inesorabilmente, c’è solo da chiedersi fra quanto tempo si disintegrerà.

febbraio 9 2017

Le inchieste che non portano a nulla

Mi chiedo che fine abbia fatto l’inchiesta su quello che è accaduto la notte di San Silvestro del 2014 in cui un’improvvisa epidemia lasciò in servizio, nelle ore più congestionate dell’anno, solo 100 vigili urbani, mentre 767 rimasero a casa e di questi 628 inondarono il Campidoglio di certificati medici. Bene, ve lo dico io, l’inchiesta non ha portato a nulla, nessuno è responsabile. Si può avere rispetto di una magistratura così?

febbraio 8 2017

Cibo ed economia

Pesci, crostacei, frutti esotici: l’arcipelago di Vanuatu, nell’Oceano Pacifico meridionale, è minacciato dal junk food importato. Le autorità hanno quindi deciso di imporre un bando per preservare le abitudini alimentari degli abitanti e la salute. L’obiettivo è arrivare a sostituire il cibo importato con prodotti locali. Trovo sia un’ottima idea e non solo per un fatto di salute, ma per salvaguardare l’economia. In Italia siamo riusciti a distruggere il settore manufatturiero permettendo ai cinesi di vendere abiti a prezzi stracciati, similmente abbiamo distrutto il settore alimentare al punto che buttiamo i pomodori siciliani e mettiamo sulle nostre tavole i pomodori spagnoli. Lo sapevate, ad esempio, che la bresaola proveniente dalla Valtellina IGP viene preparata con carne argentina? La globalizzazione va bene solo se i popoli hanno regole comuni, ma è evidente che non possiamo competere chi non rispetta l’ambiente e con chi non ha regole sul mercato del lavoro. Dunque, o si rivede completamente il concetto di globalizzazione, o si rivede il sistema d’importazione (ed esportazione) dei prodotti esteri per incoraggiare la produzione e la vendita di prodotti locali.

febbraio 7 2017

Come ti distruggo un avversario

Non simpatizzo per il m5s, ma questo va detto. Secondo voi, però, è credibile che la Raggi sia così stupida da farsi fare una assicurazione da 30mila euro? Proprio per niente e quando dice di non sapere niente le credo perché immagino cosa possa essere successo. È stata fatta una assicurazione a suo nome proprio per creare questo scandalo, per affossarla in caso avesse vinto le elezioni. Questo paese è ingovernabile proprio perché è fin troppo facile incastrare personaggi di corrente avversaria. Provate a chiedervi a chi fa comodo tutto questo e capirete chi sono i responsabili.

febbraio 7 2017

Sussurri

Non dimentichiamolo, l’Italia è un paese le cui due massime cariche dello Stato sono Mattarella e Gentiloni, due omini dimessi che sussurrano ovvietà e banalità in ogni occasione. Mai visti due uomini così, grigi, monocordi, spenti. Non un guizzo di personalità, sempre a dire cose scontate e irritanti. Non trovereste irritante chiunque dicesse “se oggi non piovesse ci sarebbe il sole”? Similmente loro dicono “il problema numero uno del paese resta il lavoro”. Ma va! Nessuno se ne era accorto. “L’insicurezza di alcuni luoghi mina le possibilità di sviluppo” e ancora “la crescita è in ripresa, ma è debole”. Ci siamo forse dimenticati che l’abito fa il monaco? Il modo di essere di questi due personaggi dà al mondo informazioni sul nostro status e questo la dice lunga sulla credibilità dell’Italia nel mondo.

febbraio 6 2017

Rito abbreviato

Qualcuno mi spiega che follia è questa del rito abbreviato? Se uno è un assassino perché deve avere un tale sconto di pena? penso all’omicidio di Isabella Noventa, a quello di Roberta Ragusa e a tanti altri. Siamo davanti a degli assassini efferati a a una magistratura che regala vantaggi inaccettabili a favore degli imputati ai quali viene accordato uno sconto della pena. Si tenta in ogni modo di giustificare questa procedura, ma non la trovo affatto convincente perché il rispetto per la vittima e per i suoi parenti deve stare davanti a ogni cosa. Poi non lamentatevi se i parenti della vittima si fanno giustizia da soli.

febbraio 5 2017

I giovani non sanno più scrivere

Lettera di 600 professori universitari: i giovani non sanno più scrivere.
Questa scuola VOI, cari professori, avete contribuito a creare. Avete appoggiato riforme di merda, perché ricordo che molti di voi sono stati rappresentanti di vari governi e del ministero dell’Università e della Ricerca. Pensavate forse che quarant’anni di queste merdose riforme, da ultimo la porcata della buona scuola, rendessero gli studenti italiani colti e intelligenti?